Salta al contenuto principale

Chirurgia della Cataratta con Femtolaser

100,00 €
Autori
M. Gualdi, R. Bellucci, M. Cargnoni, F. Gualdi, L. Gualdi, M. Maurizi Enrici, U. Merlin, GL.Scuderi
Rilegatura
Pagine
144
Formato
21x29,7
Copertina

Descrizione


La cataratta, prima causa di cecità nei Paesi in via di sviluppo, consiste nella progressiva opacizzazione del cristallino che ostacola il passaggio della luce e impedisce la formazione di un’immagine nitida sulla retina. Chi ne è affetto vede come attraverso un velo che si opacizza, sempre più con il progredire della malattia. La cataratta può essere legata all’invecchiamento ma può anche presentarsi in forma congenita, oppure come conseguenza di un evento traumatico, malattie del metabolismo (es. diabete), o alcuni farmaci (es. cortisone). Oggi il trattamento prevede la rimozione chirurgica del cristallino e il successivo impianto di una lente intraoculare (IOL). Questo intervento è tra i primi cinqueinterventi sanitari più validi in termini di efficacia. Tuttaviain molti paesi, i servizi sanitari sono inadeguatie, proprio per questo, la cataratta rimane la principalecausa di cecità (OMS, 2010) soprattutto nei paesi invia di sviluppo. (Fig. 1.1)Ogni anno in Italia si diagnosticano approssimativamente450.000 casi di cataratta, di cui ne vengonooperati oltre 100.000. Nel mondo vengono operati15 milioni di casi ogni anno, di cui 3,5 milioni negliUSA. È quindi, l’atto medico-chirurgico, dopo il parto,più effettuato al mondo. Questo rende ovvia la particolareattenzione verso la prevenzione e la riduzione dell’esposizione ai fattori di rischio e giustifica la continuaevoluzione delle tecniche chirurgiche al fine diridurre i rischi intra e post-operatori del paziente erendere più agevole l’intervento per il medico stesso,così da permettere una rapida ripresa funzionale dell’apparatovisivo.La rimozione del cristallino è una pratica che venivaeffettuata già nell’antica Roma con la Reclinatio, checonsisteva nell’inserire uno strumento acuto presso illimbus e nel dislocare questo “umore marcio” (la cataratta)inferiormente. La tecnica non ha subito importantivariazioni per millenni.Solo negli ultimi cinquanta anni abbiamo assistito aun’evoluzione continua e frenetica di questo interventograzie all’evoluzione della bioingegneria e deimateriali, con la realizzazione di lenti intraoculari semprepiù sofisticate. L’uso del microscopio operatorio,delle sostanze viscoelastiche e dei facoemulsificatoridi ultima generazione ha ridotto i tempi di degenza dai 20-30 giorni alla chirurgia ambulatoriale. L’interventocon incisione millimetrica ha portato notevolisviluppi socio-economici per la riabilitazione immediatadel paziente all’attività lavorativa e sociale.In questi ultimi anni si è delineato il nuovo concettodella chirurgia della cataratta refrattiva, considerandola qualità della vista oltre che la quantità. Così comenella medicina in generale, anche nell’oftalmologia lachirurgia robotica si sta facendo strada con ottimi risultati.La chirurgia digitale rappresenta, infatti, l’ultimo passotecnologico verso la massima precisione e qualità grazieall’applicazione della tecnologia a femtosecondinella chirurgia della cataratta.Lo scopo di questo testo è di introdurre la femtolaserchirurgia per la cataratta e di spiegarne il funzionamento,sottolineando i vantaggi di questo tipo di trattamentocomputerizzato digitale, rispetto allafacoemulsificazione tradizionale, che rappresenta ilgold standard attuale.