Salta al contenuto principale

La sindrome dell'occhio secco

150,00 €
Autori
Luigi Marino - Lucio Buratto
Rilegatura
Pagine
240
Formato
Copertina

Descrizione

È con grande piacere che presento questa monografia sulla sindrome dell’occhio secco, frequente, fastidioso e talvolta grave disturbo oculare. Troppo spesso l’occhio secco viene erroneamente considerato una banalità dal punto di vista sia diagnostico che terapeutico; sappiamo invece che può influire molto negativamente sulla qualità di vita di una persona e che può essere anche il primo sintomo rivelatore di malattie sistemiche. Ben venga quindi questa monografia che descrive la sindrome in modo chiaro, esaustivo ed aggiornato. Vengono ben presentate le attuali conoscenze della sindrome dell’occhio secco, dalla epidemiologia alle alterazioni anatomiche dell’apparato lacrimale, dalla diagnostica alla patogenesi anche sistemica delle varie alterazioni quantitative e qualitative del film lacrimale. Sono inoltre ben illustrate sia le cure mediche, anche con l’ausilio delle nanotecnologie, sia quelle chirurgiche. Vengono infine analizzati molti dei fattori che possono influire sulla sindrome, dalla nutrizione all’inquinamento ambientale, dall’allergia alla postura, dal genere ad alcuni tipi di farmaci. Intrigante il capitolo riguardante il significato simbolico e psicologico delle lacrime che induce a riflettere sul nostro attuale modo di vivere e sulla condivisione, anche inconsapevole, dei nostri sentimenti. Il questionario finale permette di individuare le condizioni che favoriscono l’insorgenza di alterazioni del film lacrimale. Inoltre l’elenco attuale dei vari tipi delle cosiddette lacrime artificiali è di supporto al medico nelle scelta del collirio ad hoc per il paziente. 

Oculisti, medici non oculisti e studenti troveranno risposte a molti quesiti sull’argomento, grazie anche alla bella ed esplicativa iconografia. Luigi Marino e Lucio Buratto, assieme agli altri co-autori, hanno lavorato meticolosamente per rendere chiara e utile questa monografia. Ci sono riusciti benissimo.